Malattie reumatiche ALERT !

ALERT Reumatologia !
 
Il rischio cardiovascolare del Vioxx permane anche dopo sospensione del farmaco
 
Il rischio appare appartenere a tutat la classe degli inibitori Cox-2
 

Il rischio cardiovascolare permane anche dopo interruzione di Vioxx

 

Anche dopo aver smesso di assumere Rofecoxib ( Vioxx ), il rischio di eventi cardiovascolari rimane alto. Queste le conclusioni di uno studio condotto da Ricercatori della Yale University School of Medicine.Merck & Co, la società produttrice del Vioxx, aveva ritirato l’antinfiammatorio nel 2004 dopo che lo studio APPROVe ( Adenomatous Polyp Prevention on Vioxx ) aveva evid […]
 
 

Arcoxia e Voltaren associati a rischio cardiaco

 
ARCOXIA

 

Artrite: Arcoxia un farmaco molto pericoloso per il cuore

 

Un farmaco contro il dolore da artrite reumatoide o da osteoartrosi, che avrebbe dovuto sostituire il Vioxx ( Rofecoxib ), può risultare altrettanto pericoloso per il cuore.Secondo Steven Nissen della Cleveland Clinic, Arcoxia è un farmaco simile al Vioxx. Se dovesse essere messo in commercio potrebbe procurare gravi danni ai pazienti.L’Agenzia per il controllo de […]

 
 

Programma MEDAL: critiche al confronto tra Arcoxia e Diclofenac

 

Merck & Co ha annunciato i risultati preliminari del programma MEDAL riguardo al farmaco antinfiammatorio Cox-2 selettivo Etoricoxib ( Arcoxia ). Il programma MEDAL che comprende 3 studi clinici è finalizzato a valutare la sicurezza cardiovascolare e gastrointestinale di Etoricoxib, rispetto ad un farmaco antinfiammatorio con […]
 
 
VOLTAREN
 
 
Uno studio danese che ha esaminato i dati di una popolazione di quasi un milione di persone a cui era stato prescritto un farmaco antinfiammatorio non-steroideo ( FANS ) ha evidenziato un aumento del rischio di eventi avversi cardiovascolari con l’uso di Rofecoxib ( Vioxx ), Diclofenac ( Voltaren ), e con alti dosaggi di Ibuprofene ( Brufen ), ma non con Naprossene ( Synflex ).I […]
 
Malattie reumatiche ALERT !ultima modifica: 2012-04-13T00:51:00+02:00da xagenamedicina
Reposta per primo quest’articolo